TEATRO E AMBIENTE

Per il pubblico più giovane il Teatro delle Bambole ha da sempre realizzato e prodotto esclusivamente Spettacoli di Educazione Ambientale.
La nostra è una precisa scelta etica: abbiamo come obiettivo la sensibilizzazione del pubblico sui danni causati dall’uomo all’ambiente che lo circonda.
Tutti gli Spettacoli sono realizzati in collaborazione con la Cooperativa Verderame e l’Ufficio Educazione del WWF Italia.



Marc Chagall: "Il giocoliere"
Marc Chagall: "Il giocoliere"

Nuova produzione

L'UCCELLINO MAGICO
(Argomento: La Libertà)  

Lettura animata per bambini di età compresa tra i 5 e i 10 anni.

La storia narrata è un breve racconto appartenete alla tradizione dei Rom polacchi. Il narratore afferma che dai tempi dei tempi, i Rom, erano uccelli e, quando riacquisteranno le loro ali, torneranno ad esserlo. Così come testimoniato dal poeta e scrittore polacco Jerzy Ficowsky anche attraverso la lettura di un suo famoso racconto intitolato “L’uccellino prodigioso”, la lettura animata che viene proposta, ruota attorno all’immagine dell’uccellino quale simbolo di libertà, considerato dalla tradizione Rom quale vero tesoro dell’intero popolo e, a ben pensarci, estensibile a tutto il genere umano, animale e vegetale. La trama ruota attorno alle vicissitudini di un povero ragazzo dal nome sconosciuto che vive in un bosco e che non sa come sbarcare il lunario; un vecchio signore dall’aria misteriosa decide di aiutarlo dotandolo di una gabbietta con un piccolo uccello magico all’interno, tutto nero con la testolina rossa: l’animaletto, sarà in grado di esaudire qualsiasi desiderio gli venga posto ma scopriremo, durante la lettura del testo, che solo un animo puro potrà rendere concreta questa antica “magia”.

Attori in scena: Andrea Cramarossa e Federico Gobbi.

Casa madre: Teatro delle Bambole - Regia: Andrea Cramarossa 



Jean-Auguste-Dominique Ingres: Napoleone I sul trono imperiale
Jean-Auguste-Dominique Ingres: Napoleone I sul trono imperiale

Nuova produzione 2020

IL RE E LA SUA OMBRA
(sull'Estinzione delle specie animali e vegetali)

Spettacolo adatto a bambini di età compresa tra i 6 e i 13 anni.

“Hanno rubato la corona del Re! Hanno rubato la corona del Re!”, si sente gridare da dietro le quinte… La corona sembra proprio essere sparita dalla circolazione e a nulla valgono gli affanni del Re e dei suoi servitori per ritrovarla, cercandola in lungo e in largo per il castello e in tutti i confini del Regno delle Capinere. Le capinere… già! Forse, sono state loro a rubare la corona! Il Re, da sempre uomo di non facile carattere, piuttosto umorale e poco incline alla diplomazia ma molto suggestionabile se riverito e corteggiato con abbondanti complimenti sulla sua persona, assieme alla sua corona perde anche la sua testa e dà la colpa del ladrocinio proprio alle capinere che verranno vessate, cacciate e finanche esiliate dal regno. Pur frugando nei loro nidi, nulla salta agli occhi, della corona proprio non v’è traccia… E, così, la colpa sarà dei rospi e poi degli abeti e poi delle aquile e poi delle farfalle e poi… il Re rimarrà solo, senza piante, senza animali e senza più sudditi, costretti ad emigrare per quel Regno divenuto, ormai, uno sconfinato deserto. Ma c’è sempre tempo per ricredersi e pentirsi delle proprie azioni sconsiderate e, grazie a una magica voce, tutto si risolverà per il meglio e il Re, da intrattabile quale era, diverrà premuroso e generoso con tutte le creature viventi del suo e degli altri Regni confinanti.

 

Prima della messa in scena, un attivista del WWF, introdurrà gli argomenti che hanno ispirato l’intero progetto.
Lo Spettacolo e può essere messo in scena in  Teatro e all’interno di un Istituto Scolastico (laddove esso sia provvisto di Aula Magna, Auditorium, Sala teatrale o semplicemente di un ampio ingresso); infatti non richiede né scenografia né impianto luci, nell’ottica sempre ecologista della riduzione delle emissioni di CO2 e quindi della promozione di un comportamento più sostenibile per l’Ambiente.

In caso di replica all’interno di un Istituto Scolastico è possibile unire alla visione dello Spettacolo un Laboratorio sul riuso da svolgere nelle mattine precedenti dal titolo: "OMBRE COLORATE".



L'AZZURRO PRINCIPE
(Tema di riferimento: la Biodiversità) 

Spettacolo adatto a bambini di età compresa tra i 6 e i 12 anni.

La storia rappresentata è una favola ispirata alla vita di uno dei più grandi scienziati di tutti i tempi: Isaac Newton. Il padre delle leggi gravitazionali, il filosofo della natura che utilizzava metodi matematici ed enunciava leggi del moto che tanti contributi hanno dato alla meccanica classica, fu il primo a scoprire che la luce bianca era l'insieme (in frequenza) della somma di tutti gli altri colori. Tanti colori diversi tra loro per dare origine ad un unicum armonico e luminoso. Allo stesso modo, la Natura, ricca di tanti elementi viventi e non viventi diversi, rende la vita possibile proprio grazie a questa multiforme esperienza armonica, indispensabile per la nostra stessa esistenza. Partendo, quindi, dalla biografia dello scienziato, cercheremo, assieme a lui, di creare l’occasione per una grande scoperta, che possa unire la scienza alla scoperta e al rispetto della Natura in qualsiasi modo essa desideri manifestarsi.

Prima della messa in scena, un attivista del WWF, introdurrà gli argomenti che hanno ispirato l’intero progetto.
Lo Spettacolo e può essere messo in scena in  Teatro e all’interno di un Istituto Scolastico (laddove esso sia provvisto di Aula Magna, Auditorium, Sala teatrale o semplicemente di un ampio ingresso); infatti non richiede né scenografia né impianto luci, nell’ottica sempre ecologista della riduzione delle emissioni di CO2 e quindi della promozione di un comportamento più sostenibile per l’Ambiente.

In caso di replica all’interno di un Istituto Scolastico è possibile unire alla visione dello Spettacolo un Laboratorio sul riuso da svolgere nelle mattine precedenti dal titolo: "COLORMONDO".



IL PRINCIPE MAIALE
(Tema di riferimento: l' allevamento intensivo
degli animali domestici)
Spettacolo adatto a bambini di età compresa tra i 3 e i 10 anni.

La storia rappresentata è una favola, quella di un maiale che viene “adottato” da una coppia di vetusti abitanti di un regno, poveri e molto soli, vivono con tristezza e nostalgia l’assenza di figli che possano confortare la loro vecchiaia. Il maiale, in realtà, si rivelerà come Principe Belfiglio, divenuto animale a causa di un incantesimo della strega a sua volta tramutatasi in scrofa; obiettivo della strega è impadronirsi dell’intero regno e spodestare i nobili governanti. La figlia dell’Imperatore, per via di un editto dell’Imperatore, secondo il quale chi fosse riuscito a costruire un ponte d’oro l’avrebbe avuta in moglie, sposerà il maiale che, sorprendentemente riuscirà nell’impresa. La vicenda narrata è chiaramente un pretesto per rivalutare la figura del maiale, un animale molto intelligente e utile all’attività umana, spesso bistrattato culturalmente e allevato, ormai, in batteria e in condizioni davvero impressionanti. È ormai assodato che questa creatura è un essere senziente, capace coscientemente di provare sofferenza e dispiacere.

Scrittura drammaturgica e regia: Andrea Cramarossa
Attori in scena: Andrea Cramarossa e Federico Gobbi
Costumi: Iole Verano - Assistenza audio e luci: Teatro delle Bambole.

Prima della messa in scena, un attivista del WWF, introdurrà gli argomenti che hanno ispirato l’intero progetto.
Lo Spettacolo e può essere messo in scena in Teatro e all’interno di un Istituto Scolastico (laddove esso sia provvisto di Aula Magna, Auditorium, Sala teatrale o semplicemente di un ampio ingresso); infatti non richiede né scenografia né impianto luci, nell’ottica sempre ecologista della riduzione delle emissioni di CO2 e quindi della promozione di un comportamento più sostenibile per l’Ambiente.
In caso di replica all’interno di un Istituto Scolastico è possibile unire alla visione dello Spettacolo un Laboratorio sul riuso da svolgere nelle mattine precedenti dal titolo:
SALVIAMO IL MAIALE”.



LA PRINCIPESSA MEDUSA

(Tema di riferimento: salvaguardia dell’ecosistema marino)
Spettacolo consigliato a bambini di età compresa tra i 5 e i 12 anni.

La storia rappresentata è quella di una Medusa, ultimogenita di una nobile stirpe marina e reggente del suo regno. Un giorno, l’imperatore Petrolio, decide di conquistare il purissimo patrimonio di Medusa. A nulla servono le operazioni difensive a cura dell’esercito dei Coralli e proprio quando tutto sembra perduto… Ecco che Maggiolino, pomodoro di mare e servo fedele della principessa, si ricorda di una antica “magia” dei pomodori di mare e con l’aiuto di uno spettatore, salverà l’ultima porzione di mare incontaminato presente sul Pianeta Terra e una scoperta improvvisa lascerà di stucco tutti i partecipanti all’acquatica avventura...

Prima della messa in scena, un attivista del WWF, introdurrà gli argomenti che hanno ispirato l’intero progetto.
Lo Spettacolo e può essere messo in scena in Teatro e all’interno di un Istituto Scolastico (laddove esso sia provvisto di Aula Magna, Auditorium, Sala teatrale o semplicemente di un ampio ingresso); infatti non richiede né scenografia né impianto luci, nell’ottica sempre ecologista della riduzione delle emissioni di CO2 e quindi della promozione di un comportamento più sostenibile per l’Ambiente.
In caso di replica all’interno di un Istituto Scolastico è possibile unire alla visione dello Spettacolo un Laboratorio sul riuso da svolgere nelle mattine precedenti dal titolo:
SIAMO TUTTI MEDUSE”.



IL RE DEGLI ALBERI
(Tema di riferimento: l'estinzione)
Spettacolo adatto a bambini di età compresa tra i 3 e i 10 anni.

La storia rappresentata è quella di un albero che non trova più terra sufficientemente fertile e pura per poter vivere e riprodursi. Così, in una ambientazione fantastica e favolistica, chiederà aiuto ai vari personaggi che incontrerà durante il suo cammino e che gli parleranno della loro vita e delle loro vicissitudini. Tutti insieme cercheranno, infine, di ricostruire un pezzo di Pianeta dove poter vivere in pace e in armonia, senza il timore di essere sfruttati e vessati dall’essere umano piegato ormai al dio denaro.

Prima della messa in scena, un attivista del WWF, introdurrà gli argomenti che hanno ispirato l’intero progetto.

Lo Spettacolo e può essere messo in scena in Teatro e all’interno di un Istituto Scolastico (laddove esso sia provvisto di Aula Magna, Auditorium, Sala teatrale o semplicemente di un ampio ingresso); in caso di replica all’interno di un Istituto Scolastico è possibile unire alla visione dello Spettacolo un Laboratorio sul riuso da svolgere nelle mattine precedenti dal titolo:
CRESCIAMO COME ALBERI